Il sito dei ricci
Recupero spinosi 2017-18 - Versione stampabile

+- Il sito dei ricci (http://hedgehogs.altervista.org/forum)
+-- Forum: Discussioni sui ricci (/forumdisplay.php?fid=9)
+--- Forum: Riccio europeo (/forumdisplay.php?fid=10)
+--- Discussione: Recupero spinosi 2017-18 (/showthread.php?tid=5389)

Pagine: 1 2 3


RE: Recupero spinosi 2017-18 - piperita patty - 31-10-2017 07:30 PM

grazie Albano,
per le informazioni molto interessanti e utili che hai condiviso.
soprattutto il materiale per il recinto è da prendere in considerazione.
ciao Icon_biggrin
Piperita patty


RE: Recupero spinosi 2017-18 - Albano - 06-11-2017 01:17 PM

La situazione complessiva degli spinosi ospitati progredisce più o meno positivamente per i ricci Pi (557 gr.), Fufi (295 gr.), Jey (368 gr.), Effe (335 gr.): tutte le pesate sono del 25/10.

Problemi e criticità invece per due spinosi.
Per Milly (ieri appena 145 gr.) si è deciso per antibiotico ed antivermifugo; presenta da più giorni brutte feci e si nutre in maniera insufficiente.
Apprensione anche per riccio Geo (578 gr.) su al recinto: nell'ultima settimana con i primi freschi notturni ha perso ben 52 gr. Stiamo appurando il più rapidamente possibile, ma ci vorrà comunque qualche giorno, se per questo riccio sia stato prematuro l'aver scelto di avviarlo al letargo controllato, se si rifiuti di alimentarsi, o se semplicemente ha pesantemente accusato il calo delle temperature notturne. Al suo prematuro soccorso non abbiamo voluto farlo transitare per casa, ma ora sono alte le probabilità che lo ritiriamo dal recinto per portarlo in casa al caldo.

Intanto la Morena (l'amica di Fabia) da 48 ore ha preso in casa un nuovo spinoso che sembra esser problematico pure lui. So ancora poco al riguardo se non che pesa intorno ai 250 gr. ma non mangia.


RE: Recupero spinosi 2017-18 - Albano - 11-11-2017 02:26 AM

Il tempo è decisamente cupo e freddo, talmente tanto di notte che qualche sonnellino sporadico ci è già scappato ; non così le prospettive per i nostri due osservati speciali, prospettive che hanno decisamente virato sul positivo.

Milly (163 gr. l'8/11) è stata ed è oggetto di trattamenti sanitari intensivi (antibiotico, antivermifugo, flebo) e finalmente la sua reattività alle cure si è manifestata. Gia da due notti mangia con piacere, soprattutto mangia tutto, le feci sono migliorate. Il suo viso racconta di una riccia finalmente serena e non provata e bisogna sorvegliarla con molta attenzione perché non perde alcuna occasione per scattar via. la bilancia conferma che il trend è ritornato positivo ed allì'occhio non c'è più motivo per preoccuparci.
Per Geo (616 gr. il 9/11) il problema era prettamente di natura alimentare: è bastato fare "un passo indietro" ed ha ricominciato a crescere. Come tanti spinosi, si è mostrato molto affezionato alla mousse Babycat ed il suo graduale abbandono si è dimostrato estremamente devastante. Siamo tornati ad un mix 50%-50% fra Babycat ed un altro umido monoproteico ed ora più che lentamente diminuiremo la percentuale di Babycat. Non è prassi usuale che un riccio di queste dimensioni disponga ancora del Babycat; ma questo spinoso è fuori all'aperto per cui per noi è interesse primario che Geo si alimenti con regolarità per mantenere o migliorare il suo peso, poi con l'arrivo del letargo si eliminerà questa mousse se ancora è in uso.
Geo continua a rimanere nel recinto e continua ad esser valido l'obiettivo del letargo controllato.

L'ultimo riccio recuperato è Wolf: uno spinoso "tutto naso"... ha un patatone veramente gigante!
4/11 >>> al recupero era 248 gr. con qualche pulce eliminata manualmente
8/11 >>> 296 gr.
Le prime due notti non ha toccato cibo, nonostante la Morena gli abbia proposto di tutto e di più. Poi alla comparsa delle crocchette e delle camole, apriti cielo !
Riccio recuperato in città, riccio innegabilmente "cittadino" abituato a frequentare ciotole di cani e gatti, riccio che sapeva dove trovare cibo lasciato qua e là da persone generose.
La Morena tenterà di educare questo spinoso, ma educare un riccio adulto è una bella impresa
Ne abbiamo già visti altri di soggetti simili con la testa dura ed il chiodo fisso delle crocchette: sarà dura modificargli le sue abitudini alimentari od insegnargli che il mondo non è solo una crocchetta. Vediamo come butterà.


RE: Recupero spinosi 2017-18 - Albano - 26-11-2017 12:44 AM

Su Geo - riccio in recinto all'aperto - l'attenzione non può mai calare.
Dopo una settimana fifty-fifty tra sonnellini brevi e giornate in cui ha consumato il pasto, oggi l'ho potuto controllare per bene: il riccio si conserva bene ed ha un aspetto ottimo anche se è comparso qualche cenno di bollicine da una sola narice del nasino.
Ciò nonostante continua a perdere troppo peso e troppo rapidamente: oggi è 552 gr.
Se penso che per metà settimana ha dormito e per l'altra metà settimana ha puntualmente consumato il pasto completo, qualche dubbio mi sovviene. Domani a titolo preventivo avvierò il trattamento antivermifugo standard ed i prossimi 7-14 giorni saranno decisivi sul futuro in recinto per questo riccio: o inverte il prolungato trend negativo del peso o lo trasferiamo in casa.


RE: Recupero spinosi 2017-18 - Albano - 26-11-2017 08:59 PM

Dopo ieri, mi tocca riaggiornare oggi.

E' arrivata Guazzina.
Dopo l'abbondante pioggia di ieri pomeriggio-sera, alla mezzanotte durante una pausa della pioggia, Fabia e l'amica Morena sono rientrate in casa con Guazzina, riccia femmina che stavano cercando di raccattare dall'inizio della settimana.
L'unica pistolona che ancora vedevano vagare in zona condominio e parchetto pubblico confinante, riccia che nonostante il peso di 460 gr. era tutta pelle e ossa, fortemente debilitata, strapiena di pulci.
La prima giornata l'ha trascorsa molto nervosa, ha dormito anche tanto, mangiato poco o nulla, bevuto tantissima acqua, ma poco fa la bilancia ha sentenziat0 449 gr. Icon_cry
Avviato trattamento antivermifugo molto incisivo (non è quello standard). Vediamo se nel frattempo si tranquillizza un po' di più e si decide a mangiare qualcosa.


RE: Recupero spinosi 2017-18 - Albano - 04-12-2017 12:57 AM

Negli ultimi tre giorni siamo riusciti a fare il punto della situazione riguardo al nostro parco spinosi.

Pi , maschio di sicuro, è diventato un riccio adulto a tutti gli effetti: da cinque giorni non si sentono più i suoi richiami, né per verificare la presenza di qualcuno di noi e neppure per reclamare cibo. E' proprio diventato adulto anche di testa.
La nota dolente è che pesa già tanto: l'1/12 ben 1.076 gr. Icon_cry ragion per cui nei prossimi giorni sarà trasferito in garage; di letargo controllato in recinto per il cocco di "mamma" Fabia non se ne può neppure parlare...

Millyo (ex Milly), altro spinoso maschio, dopo le difficoltà iniziali ha ingranato e preso la ruzzola. All'1/12 la bilancia si è fermata a 552 gr.. E' un riccio che si contraddistingue per i suoi pasti minimal; muta degli aculei in corso.

Guazzina, femmina, ha avuto bisogno di 48 ore per ambientarsi ma poi durante la terza notte trascorsa in casa, ha segnato una crescita secca di ben 50 gr.: mai visto una roba del genere. Adesso la crescita si è stabilizzata su valori normalmente attesi. L'1/12 la bilancia ci ha detto 534 gr.

Anche Fufi , certamente maschio, con la conclusione delle cure di sostegno ed il ciclo di vermifugo, nel frattempo è rientrato nella normalità: l'1/12 era 656 gr. con zero problemi. A dire il vero manifesta di tanto in tanto il suo disappunto verso i rumori ma qui bisogna accontentarsi della location assegnata... anche se è la sala!
Nei prossimi giorni Fufi sarà trasferito dalla Morena così si spera starà un po' più in santa pace.

Il trasloco di Fufi è dovuto anche all'arrivo di un nuovo spinoso, anche questo maschio.
Qualche settimana fa su al terreno avevo visto per più volte un riccino, ma un po' per le sue dimensioni, un po' per le sue buone condizioni, un po' per le temperature per nulla proibitive, non l'ho mai prelevato. Nell'ultima settimana invece mi stavo chiedendo dove fosse finito, visto che su al terreno lui era rimasto palesemente l'unico cliente del ristorante. Al primo freddo vero Rolet 400 gr. l'ho infine trovato e recuperato nel buio pomeridiano di giovedì scorso, all'interno del ristorante appollaiato sulla ciotola delle crocchette con una faccia sconsolata e che sembrava dire "o mi prendi, o crepo".
Giunto a casa ci siamo resi conto della immediata necessità di un trattamento antipulci ed abbiamo asportato almeno una decina di zecche. La sera successiva - nonostante si sia riscontrata una bella crescita di 10 gr. - ci siamo resi conto che la realtà era ben più grave di quanto non sembrasse: abbiamo immediatamente optato per un bagno repellente, tanto erano le pulci e le zecche presenti.
E' così che quella sera si è trasformata in un vero delirio... L'acqua del bagno è diventata di un marron scuro quasi subito e non si intravedeva neppure il fondo della vasca predisposta per il bagno; avevamo pulci che volavano e facevano il salto in lungo, nel frattempo qualche zecca si staccava da Rolet, a completamento la mia cara e dolce consorte Fabia che in queste situazioni si impanica alla velocità della luce non trovava di meglio che riempirmi di improperi perché non prendevo le pulci al volo per sopprimerle Icon_rolleyes Ritrovata con fatica una apparente tranquillità ci siamo dedicati allo sterminio delle pulci prima, e a quello delle zecche poi; tra bagnetto ed asportazione meccanica abbiamo silurato almeno una trentina di zecche. Riposto il riccio veramente splendente e luccicante, tutti sotto la doccia per immaginabili motivi (tralasciamo se psicologici o reali...)
La sera successiva un'altra decina di zecche tolte al riccio oltre ad altre mini zecche stecchite trovate nel ricovero di Rolet. Questa sera ancora abbiamo trovato sul fondo del ricovero di Rolet qualche altra minizecca: prima o poi finiranno!
Quel che conta è che Rolet al 2/12 pesava 420 gr. con crescita come da manuale. Solo le pulci sono state completamente eliminate

Ci sono poi i ricci ospitati da Morena: Jey, Effe e Wolf.
Sono "ricci DMG" (dormo-mangio-cago), ricci che sappiamo esser senza problemi, ma dei quali al momento non dispongo di aggiornamenti recenti.

Da ultimo Geo, 542 gr. all'1/12, riccio in letargo controllato su al recinto.
Almeno noi speriamo di riuscire a fargli compiere il letargo controllato, ma lui presenta una curva del suo peso talmente altalenante da costringerci a controlli settimanali. Di sicuro c'è che non si capisce quali siano le sue intenzioni anche se lo stimolo al letargo è presente. Mangia e non mangia, dorme e non dorme, il peso sale e scende, e noi ora si dice lo lasciamo là, ora si dice portiamolo a casa. Per adesso sta ancora lassù sul terreno ed all'aperto. Poi si valuterà nuovamente al prossimo controllo settimanale.


RE: Recupero spinosi 2017-18 - piperita patty - 05-12-2017 10:06 PM

ciao Albao e Fabia,
siete troppo forti !!!Icon_lolIcon_lol
questa cosa poi del bagnetto al riccio !!!Icon_eek
come si fa a fare il bagnetto a un riccio? non te lo chiedo perché voglio farlo, mi rendo conto che è un caso estremo e molto particolare!
"invidio" (in senso buono) la vostra dimestichezza con i ricci, io faccio fatica fargli il trattamento e a mettergli il segno identificativo con lo smalto! Icon_mrgreenIcon_mrgreenIcon_mrgreen
ciao
Piperita Patty


RE: Recupero spinosi 2017-18 - Fabia - 06-12-2017 11:57 PM

(05-12-2017 10:06 PM)piperita patty Ha scritto:  come si fa a fare il bagnetto a un riccio?
Si improvvisa e ci si ingegna al massimo, cosa che fa anche il riccio Icon_lol Mi capitava di improvvisare quando ho cominciato ad aiutare i ricci diversi anni fa... ed ancora adesso improvviso regolandomi sull'osservazione del riccio di turno.

Basta rispettare alcune semplici precauzioni.
Il dosaggio dello shampoo repellente deve esser corretto, cioè proporzionato al peso del riccio ed ai litri complessivi di acqua utilizzati per comporre il bagno. Non si lava il riccio sotto acqua corrente ma in una vasca (o in lavandino) con acqua ferma.
Per un bagnetto l'acqua non deve esser bollente né fredda ma calda il giusto; il riccio non deve mai finire completamente sott'acqua con particolare salvaguardia della testa.
Nel bagnetto di Rolet ho improvvisato appena mi sono accorta che lui temeva di finire sott'acqua e si preoccupava di tenersi saldamente aggrappato a qualcosa con le sue zampette anteriori. Così gli ho offerto gli indici delle mie mani per garantirgli delle prese solide e rassicuranti. Poi lo lasciavo immerso nel bagno solo parzialmente e ruotando le parti ammollate.
La schiena il dorso ma anche gli aculei della testa sono stati ripetutamente passati con una spazzola da bucato bagnata nel bagnetto. A seguire, il riccio è stato ripetutamente ed accuratamente asciugato con stracci assorbenti rinnovati per tre volte. In particolare nella stagione fredda bisogna riporre molta cura nella fase di asciugatura del riccio per non favorire raffreddori o patologie simili. Per l'asciugatura io non uso mai il phon.

Io e Albano siamo contrari all'effettuazione di bagnetti ai ricci selvatici europei. In sette anni di assistenza questo di Rolet è il secondo bagnetto in assoluto che abbiamo praticato ed il primo effettuato in pieno freddo, ma le sue condizioni erano veramente precarie e non si poteva fare diversamente per riuscire a debellare in un lasso di tempo ragionevole tutti i parassiti esterni presenti.

============================

Rolet (ieri 470 gr.) nonostante che il bagnetto gli abbia portato un apprezzato ed evidente beneficio, fin da quattro giorni fa è stato sottoposto ad una sverminazione tosta ed aiutato anche con supporto antibiotico (entrambi i trattamenti sono ancora in corso).
Ieri notte è stata la prima notte che lo abbiamo visto con una cera soddisfacente, mentre questa mattina per la prima volta abbiamo osservato feci formate e di aspetto finalmente discreto.
Per lui è fondamentale la borsa dell'acqua calda perché è un riccio che in questa fase ha bisogno di tanto caldo. Sul fronte alimentare invece non ha particolari esigenze; basta che si mangi... cosa, è un fatto irrilevante.


Nel frattempo la mia amica Morena mi ha comunicato i pesi aggiornati al 4/12 dei ricci DMG:
Jey 662 gr.
Effe 640 gr. L'attività, l'alimentazione e la crescita di questo riccio si sono praticamente stoppate con l'arrivo del freddo; riccio sotto stretto controllo.
Wolf 442 gr.


RE: Recupero spinosi 2017-18 - Albano - 17-12-2017 04:23 PM

Geo 560 gr. ed effettuato secondo trattamento antivermifugo standard. Geo è un riccio (o una riccia ?) che non è mai stato in casa; fin dal suo recupero avvenuto sul finire dello scorso settembre è sempre rimasto sistemato all'interno del recinto.
Oggi a chiosa di una costante osservazione mi sento di condividere diverse constatazioni personali che potrebbero rivelarsi utili anche ad altri utenti aventi ricci in letargo controllato.


1) In teoria questo riccio non dispone del peso utile ad assicurargli le massime garanzie per il superamento dell'inverno con esito positivo.
2) Ma Geo sta bene! Ed è nella non trascurabile condizione di ambiente sorvegliato e protetto. Ne consegue che Geo abbia scelto quale sua individuale confort-zone l'intervallo di peso attestato in area 550 gr.: questa è una certezza confermata dall'osservazione diretta e dai dati raccolti nell'ultimo mese.
3) Il suo letargo è caratterizzato da frequenti risvegli che sono stimolati dalla location artificiale e confortevole del recinto, dalle temperature climatiche che di tanto in tanto rialzano, e dalla sua giovane età.
Infatti poco lontano da Geo c'è lo scafato e ben più anziano riccio cieco Mordicchio che si risveglia molto meno di Geo, ed anzi è ormai una sua consolidata prerogativa che ogni occasione sfavorevole rappresenti un giustificato motivo per mettersi immediatamente a dormire per più giorni.
4) alla fin fine - per una corretta gestione di qualunque riccio - mi risulta corretto attenersi alle indicazioni di carattere generale, salvo poi riparametrarle e modificarle in funzione del singolo caso contingente da risolvere.

5) Per chi ospita ricci in recinti all'esterno per accompagnarli alla primavera mediante il letargo controllato, può emergere una problematica che raramente viene ammessa dai diretti interessati, ma che c'è: la presenza/frequentazione in loco dei topi.
Conosco questo problema... e finalmente la scorsa primavera/estate sono riuscito a trovare una efficace ed ottimale contromisura nell'installazione di dissuasori per topi e talpe con alimentazione ad energia solare. Gli apparecchietti hanno funzionato egregiamente: l'area protetta dai disssuasori si è liberata dalle presenze indesiderate in meno di una settimana ed è venuta meno anche l'esigenza di combattere la presenza indesiderata ed eccessiva con metodi pure discutibili.
Però il limite di questi apparecchietti è che non possono rimanere installati nel periodo invernale perché le avverse condizioni climatiche (segnatamente gelo e burrasche persistenti) possono comprometterne la loro funzionalità in modo permanente.
E così qualche topolino è ricomparso... Col conforto di altre fonti e con l'osservazione diretta devo confermare che lasciare cibo(crocchette) facilmente accessibile a disposizione dei topi si è rivelata la miglior soluzione affinché i topi limitassero le loro razzie sui cibi destinati agli spinosi.
Ciò nonostante, quest'anno ho avuto la conferma certa che i topi presenti nei paraggi si sono evoluti! La conseguenza di questa evoluzione è che ai ricci sistemati in letargo controllato all'esterno, non posso più lasciare pinoli noci sminuzzate ed alimento secco per ricci (Vitakraft & similari): questi erano alimenti che finivano pappati quasi completamente dai topi....
Da parecchio tempo sospettavo per pinoli e noci, ma che i topi si pappassero anche l'alimento secco ne ho avuto conferma certa in queste ultime settimane. Nonostante tutto ciò, Geo sopravvive bene, in totale autonomia, pur disponendo nella fase invernale solo di camole e crocchette.


RE: Recupero spinosi 2017-18 - Fabia - 28-12-2017 12:33 AM

Le temperature prenatalizie relativamente miti mi hanno indotto a traslocare in garage non solo Pi... così il 24 dicembre anche Millyo e Rolet si sono ritrovati di fianco a Pi. Questi tre spinosi sono esenti o hanno risolto le loro problematiche sanitarie e completato i cicli di sverminazione.

Il garage in questi giorni viaggiava sui 7-10°C.
Pi 1.237 gr.(26/12) ha reagito alla nuova sistemazione piazzandoci immediatamente un pisolino di almeno 24 ore; ieri ho visto che ha ricominciato a mangiare. Millyo 795 gr. e Rolet 713 gr. (26/12) invece non hanno sostanzialmente modificato le loro abitudini.
Tutti gli spinosi sistemati in garage godono di straccetti aggiuntivi oltre a fieno abbondante che è molto apprezzato. Le casette-tane sono foderate di stracci e le vasche che fungono da ricovero sono complete di coperchi con feritoie.
In casa è rimasta solo Guazzina 642 gr. (26/12) che dopo l'incisivo trattamento vermifugo finalmente manifesta un bell'appetito con riscontro positivo alla bilancia. Anche per lei i problemi sembrano risolti, ma le diamo ancora un po' di tempo per consolidare il risultato raggiunto. Più avanti valuteremo se dovrà unirsi agli altri spinosi in garage.

Presso la mia amica Morena gli altri spinosi vivacchiano tranquillamente e con scarsa tendenza all' attività per via di un riscaldamento ambientale molto più limitato se raffrontato a quello di casa mia: siamo sui 18-19°C.
Questi i pesi rilevati poco fa:
Fufi 762 gr.
Jey 714 gr.
Effe 706 gr.
unico spinoso con vermifugo standard in corso in quanto si era evidenziata la tendenza a perdere peso; problema già rientrato.
Wolf 590 gr.

Su al recinto Geo 546 gr. (24/12) continua a conservare la sua precisa autogestione in area 540-560 indipendentemente dalle condizioni meteo. Dorme e rinuncia al pasto solo con temperature inferiori a 5°C.
Al di fuori dei recinti regna la calma piatta: consumi di crocchette scarsi e sporadici. Più indizi lasciano presupporre che i nostri clienti selvatici al momento siano in minima parte costituiti da ricci. Abbiamo anche la certezza che uno dei tre paglioni a disposizione dei selvatici è disabitato: adesso si vedono le ricadute derivanti da una estate torrida ed invivibile.


RE: Recupero spinosi 2017-18 - piperita patty - 28-12-2017 01:50 PM

ciao Fabia e Albano,
e con i topi , poi, com'è finita?? ne avete visti ancora? siete riusciti a tenerli sotto controllo??
io sono un po terrorizzata, spero che il cane sia un valido deterrente,
anche perchè i recinti io ce li ho nel giardino di casa...Icon_cry
ciao
Piperita PattyIcon_lol


RE: Recupero spinosi 2017-18 - Albano - 28-12-2017 03:37 PM

Il nostro recinto è in aperta campagna, per cui la presenza di topi è un fatto quasi fisiologico. Per fortuna nella fase invernale i topi sono pochissimi ed una ciotola di crocchette al giorno lasciata in posizione agevole e comoda sembra misura sufficiente per garantire sufficientemente inviolati i ricoveri dei ricci.
Ciò non toglie che ad inverno sorpassato, verso febbraio marzo, appena possibile reinstalleremo i dissuasori per topi: abbiamo visto che questa è l'unica incisiva soluzione capace di assicurare la completa assenza di topi dai recinti riservati ai ricci.

Durante la stagione invernale e senza dissuasori in funzione, non possiamo permetterci di usare come arma alternativa i veleni o le esche per limitare/decimare la popolazione dei topi. Spesso accade che si salga su ai recinti col buio, ed alla luce di una pila non sempre si possono prontamente rinvenire e rimuovere eventuali carcasse di topi a volte presenti all'interno dei recinti: è troppo alto il rischio di infettare o avvelenare pure i ricci, se sono presenti.
Per questi motivi la eventuale presenza di qualche topo va considerata come il male minore.


RE: Recupero spinosi 2017-18 - Albano - 18-02-2018 12:26 AM

Dopo un black out di oltre un mese e mezzo finalmente riesco a tornare sul forum Icon_lol
Obblighi improcrastinabili mi hanno completamente assorbito... ma il peggio è alle spalle: questo è quel che conta! Durante tutto questo periodo i ricci non sono stati trascurati e - chi più chi meno - godono di soddisfacente salute.

La più brutta notizia è che il garage è sovraffollato... perché l'amica ed utente Morena nonché valida ed affidabile spalla, pochi giorni fa si è vista costretta a traslocare in fretta e furia i ricci da casa sua al nostro garage a causa di una seria e concreta minaccia di denuncia alla forestale Icon_evilIcon_evilIcon_evil
Ma la Morena è come Nuvolari: risorge sempre!!!! Nonostante il colpo basso vile e meschino subito da persona molto vicina a lei, la Morena non si è persa d'animo: tutte le sere arriva per assolvere alll'accudienza di routine ai ricci che si era presa in carico... e guai a me & Fabia se mettiamo mano ai "suoi ricci". Si vede tantissimo che le mancano i ricci in casa sua, ma è andata così.

Su al terreno ad inizio gennaio Geo ci ha fatto temere di doverlo prendere in casa, ma poi i controlli settimanali e la relativa dinamica del peso ci hanno tranquillizzato. Geo ha si avuto un periodo critico ma ormai è sorpassato e risolto. E' sicuro che questo riccio svernerà in recinto e sarà il primo ad esser liberato senza aver trascorso neanche un minuto in casa.
6 gennaio >>> 528 gr. e completato trattamento vermifugo standard
14 gennaio >>> 565 gr.
20 gennaio >>> 574 gr.
27 gennaio >>> 618 gr.
11 febbraio >>> 660 gr.

Come preannunciato, in garage ora abbiamo un condominio di ricci...
Tutti ricci che non devono crescere oltre misura per non cadere nelle problematiche legate all'obesità.
Pi (1.160 gr. il 16/2) non è più obeso, ma resta il cocco di Fabia. Rapporto bidirezionale e particolarissimo, e non potrebbe esser diversamente. Ricordo che quando Pi ha aperto gli occhi ha visto Fabia... Tuttora, ma da sempre, Pi salta sbuffa e soffia anche per oltre un quarto d'ora se qualunque altra persona diversa da Fabia tenta di avvicinarlo. invece con Fabia non si chiude neanche a palla e fa tutt'altro! Vi lascio immaginare...
Ultimamente Pi dorme spesso per più giorni consecutivi.
Millyo (935 gr. il 16/2) è l'unico spinoso che non è mai andato in letargo e dentro la vasca detiene tutti i record dei casini fuori di misura.
Rolet (763 gr. il 14/1) sta bene ma non è avvicinabile quando dorme per quanto si sia ben imbottito e sigillato. Ed ultimamente dorme molto a lungo e mangia raramente: un vero letargo come da manuale.
Fufi (958 gr. il 13/2) oltre ad esser uno dei pochi spinosi che si lascia guardare senza particolari timori, nel frattempo è diventato anche uno splendido riccio.
Jey (941 gr. il 13/2) è un riccio molto schivo. L'unica certezza è che da quando è in garage continua a prendersi in tana tanti materiali.
Effe (762 gr. il 13/2) ha da poco completato un trattamento vermifugo standard perché perdeva troppo peso. Problema risolto: la crescita è ripartita. Il trasbordo nel nostro garage l'ha indotta al letargo ed ancora dorme.
Wolf (875 gr. il 13/2) è sempre stato un riccio misterioso. Però cresce e non denota alcun problema di sorta: va bene così.

In casa una sola spinosa che all'accoglimento si era rivelata problematica nell'alimentazione.
Guazzina (701 gr. il 16/1) adesso mangia tutto quanto le viene proposto: è la riccia provvista del più assortito spettro alimentare. Nonostante sia in casa è difficilissimo beccarla fuori tana: per questo il rilevamento del peso è piuttosto datato.


RE: Recupero spinosi 2017-18 - Albano - 11-03-2018 10:55 PM

Tra ieri ed oggi io e Fabia ci siamo messi d'impegno per verificare le condizioni della tribù, diversamente seminata tra casa garage e terreno.

In garage con le passate rigidità tutti gli spinosi hanno trascorso, chi più chi meno, un periodo di letargo; ciò nonostante si è evidenziata una tendenza generalizzata alla crescita!
[b]Pi (1.182 gr.)[/b] ha dormito tanto... senza risultati apprezzabili sul peso mentre la silhouette è migliorata ma non perfetta. Tuttora si comporta come un angioletto fra le mani di Fabia, per poi trasformarsi in un indemoniato drago soffiante e riottoso appena gli si avvicina una diversa persona. Abbiamo perso ogni speranza di impartirgli una costruttiva educazione ed attendiamo l'inserimento in recinto affinchè apprenda i giusti comportamenti a cui un riccio selvatico deve necessariamente attenersi.
Millyo (995 gr.) dopo la settimana glaciale ha ripreso a mangiare come se niente fosse.
Rolet (918 gr.) era uno di quelli spinosi che rispetto alla truppa era rimasto indietro col peso. Ebbene, quando si è risvegliato dopo la grande gelata, ha attuato una crescita sprint per non esser da meno rispetto agli altri spinosi.
Fufi (813 gr.) è l'unico spinoso che ha tratto beneficio dal letargo. Ha perso circa un etto, conserva un magnifico nasone e l'aspetto massiccio tipico di un lottatore di sumo. Non è obeso.
Jey (1.072 gr) è un altro riccio a cui il breve letargo gli ha fatto un baffo!
Effe (688 gr.) rappresenta il nostro tallone d'Achille. L'unico riccio che non doveva dormire è tra quelli che più ha dormito determinando un crollo ponderale più che giustificato, ma che ha costretto ad avviare un nuovo ciclo di antivermifugo standard per fornirgli un ulteriore sostegno. vedremo come reagisce e se sia il caso di riportarlo in casa.
Wolf (865 gr.) è il riccio ideale. Le studia tutte per non farsi notare; se ne rimane rigorosamente appartato; mangia il giusto ed ha un peso nella norma sia che sia sveglio o che dorma. Di fatto cerca di essere invisibile ed in effetti quasi lo è.

In casa Guazzina (840 gr.) ci conferma che si stava trascinando qualche problemino irrisolto. E' ancora in corso il trattamento col vermifugo standard, ma 140 gr. di crescita in 20 giorni invernali raccontano tanto...

Su al terreno buone nuove.
Finalmente e senza ombra di dubbio si è reso necessario ribattezzare Geo in Geovina (725 gr.). La spinosina è già veramente padrona del recinto e del suo destino. Che sia bello o brutto, con acqua neve o pioggia, più generalmente con qualunque condizione meteo fa quello che vuole senza alcuna difficoltà e secondo il suo sentimento. Così come abbiamo compreso che con le gelate preferiva starsene al coperto della casa matta, abbiamo anche osservato che non ha disdegnato qualche camminata sulla neve!


RE: Recupero spinosi 2017-18 - Albano - 07-04-2018 11:55 PM

Qui da noi i tempi sono maturi per inaugurare i reinserimenti in natura.
Dopo aver registrato nell'ultima settimana la stabilizzazione del peso, la prima riccia che riacquisterà la libertà è Geovina (654 gr.) che con nostro stupore e non senza difficoltà è stata capace di trascorrere l'attesa della libertà all'interno del recinto e fin dallo scorso settembre..
Da oggi pomeriggio il recinto ha la porta aperta; domani verificheremo se Geovina avrà già spiccato il volo, fatto questo che accade quasi sempre. Se così sarà, domani ne approfitteremo per riassettare l'intero recinto per renderlo consono al reinserimento della nostra grande truppa di spinosi che sono già in fila d'attesa e quasi tutti nell'ultima settimana hanno cominciato a scalpitare con insistenza all'interno delle vasche di plastica.
Il recinto rimarrà vuoto per qualche giorno sia per manutenzione, sia per disifestazione, sia per allontanare qualche topolino di troppo. Per metà fine settimana entrante prevediamo di inserire i primi tre ricci da destinare al periodo di osservazione precedente la loro liberazione.


RE: Recupero spinosi 2017-18 - pesk - 08-04-2018 06:24 PM

Buona vita a Geovina e buon lavoro a voi! Icon_biggrin


RE: Recupero spinosi 2017-18 - Albano - 09-04-2018 11:02 AM

Geovina ringrazia Icon_lol e si è già fatta di nebbia Icon_cool

Grazie per il buon lavoro: ce ne è bisogno, perchè c'è tanto di già fatto ed altro ancora da fare.


RE: Recupero spinosi 2017-18 - Albano - 14-04-2018 10:11 PM

Oggi pomeriggio abbiamo inaugurato i reinserimenti dell'annata.
Sono entrati in recinto Guazzina (788 gr.), Wolf (752 gr.) e Fufi (734 gr.).

Durante l'ultima settimana, oltre ad aver ripreso in garage per una ospitata temporanea una nostra vecchia conoscenza (tale Polito) uscito piuttosto smagrito dal letargo, ci siamo visti costretti ad accogliere altri due spinosi assaliti dalle zecche: ripescati 5 e 3 giorni fa.
Quello ripescato 5 giorni fa si sta rimettendo; un bagnetto con repellente si è rivelato utile anche se ancora sta perdendo zecche, comunque cresce, ha già raggiunto i 620 gr. e si caspisce a vista d'occhio che sta migliorando. ha già raggiunto il peso di 620 gr.
Discorso diverso per il riccio recuperato 3 giorni fa. Parliamo di un riccio di peso appena superiore ai 300 gr., terribilmente smagrito. Ed oggi l'abbiamo perso...
Nonostante la pronta assistenza e le giuste cure - antibiotico compreso - purtroppo ha prevalso l'anemia.


RE: Recupero spinosi 2017-18 - Albano - 22-04-2018 07:52 PM

Quest'anno siamo partiti un tantino zoppi Icon_cry

Dopo soli 6 giorni di recinto Guazzina (635 gr.) è rientrata in casa; oltre ad aver perso mezz'etto abbondante, in recinto ha avuto un incontro ravvicinato per nulla piacevole che gli ha procurato lievi danni al naso e ad un occhio, danni al momento in via di risoluzione. La criticità ci ha comunque imposto l'avvio di un ciclo di antibiotico ed antivermifugo in via preventiva.
Dpo aver trascorso gli ultimi tre giorni in recinto di digiuno assoluto, ora Guazzina ha ricominciato a mangiare con regolarità.

Wolf 754 gr. (+2 gr.) - visto oggi - non dà alcun cenno di preoccupazione. Nel recinto ha ricominciato a consumare anche la frutta. le tracce lasciate nel suo settore confermano che usa ed ispezione l'intero settore a lui riservato.
Fufi 741 gr. (+7 gr.) - anche lui visto oggi - dei tre spinosi è quello che meglio si è adattato al recinto. Si è pure costruito una seconda tana all'aperto... al solito da diligente riccio, creando con scavo un piccolo incavo nel terreno e ricoprendosi con erba da lui strappata qua e là.


Il problema che ha coinvolto Guazzina ci sta facendo riflettere sul fatto di sospendere temporaneamente i reinserimenti dopo le liberazioni di Wolf e Fufi. Probabilmente dovremo creare un buco per ottenere con la massima certezza l'allontanamento dei topi che fin dall'inverno hanno disturbato parecchio. I dissuasori ad ultrasuoni in inverno non possono rimanere installati ed infatti li abbiamo riposizionati appena da una decina di giorni, ma intanto con l'inverno mite i topi sono andati a nozze.... Oltretutto quest'anno sembra proprio che qualche altro animaletto selvatico (donnole???) si sia accorto e sia attirato dalla presenza dei topi: insinuandosi nei recinti ne hanno uccisi diversi e questo è un fatto che crea apprensione per la sicurezza dei ricci.
Vedremo come procederà la prossima settimana, per poi prendere una decisione nel merito.


RE: Recupero spinosi 2017-18 - Albano - 01-05-2018 06:26 PM

Mentre Wolf e Fufi stanno completando il loro percorso di reinserimento e Guazzina si sta riprendendo molto bene nell'ambiente più confortevole e protetto del nostro garage, dal 28 aprile lo stallo libero all'interno del recinto è diventato il regno di Jey (1.270 gr.)
Un regno un po' sgangherato a dire il vero... sia per location perchè è quella con meno verde ed arbusti, sia per il suo re che al di là di ogni dubbio è obeso; a completamento questo spinoso non ha gradito il trasloco e ci ha piantato un bello sciopero della fame nelle prime 48 ore. Adesso ha ricominciato a mangiare; probabilmente ha inciso pure l'istinto che gli avrà suggerito in automatico di diffidare del cambio di location.
Tuttora il riccio continua a mostrare alti segni di diffidenza: Sua Maestà mangia solo se il cibo è al coperto all'interno della sua tana!
Stiamo a vedere se in questi giorni questo riccio dai gusti raffinati si deciderà a scendere dal pero per cominciare a gironzolare pure nel suo settore di recinto.