Rispondi 
 
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Aggiornamento famigliola ricci e "umana" imbranata
04-07-2010, 01:47 PM
Messaggio: #21
RE: Aggiornamento famigliola ricci e "umana" imbranata
Se scegli di trattare la casetta con l'impregnante prendine uno ecologico e il più possibile inodore (es. quelli prodotti da Biofa), perchè un odore forte potrebbe tenere lontani i ricci. In alternativa puoi mettere sul fondo un foglio di policarbonato o simile tagliato a misura per la casetta: quando serve lo togli, lo pulisci e lo rimetti dentro.

[Immagine: Dq6o8PH.jpg]
... vieni a trovarci anche sulla nostra pagina facebook!
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
04-07-2010, 04:04 PM
Messaggio: #22
RE: Aggiornamento famigliola ricci e "umana" imbranata
(04-07-2010 01:31 PM)Debby Ha scritto:  Aggiugno solo, a quello che ti ha detto Pesk, che rilasciando un riccio è bene sistemarlo in punti riparati, tipo sotto ad una siepe, non in mezzo al giardino dove sarebbe troppo visibile e vulnerabile.

La pappa che non viene mangiata e rimane lì ti consiglio di toglierla al mattino, sia per limitare i cattivi odori sia per evitare che mosche e mosconi vadano a deporre le uova sul cibo. Uova che, con questo caldo, si trasformano in larve in poco tempo e queste possono assalire i ricci causando la miasi.
Per rendere la casetta impermeabile e quindi anche lavabile potresti trattarla con un buon impregnante per il legno. In questo modo diventerebbe anche più resistente.
Ti sconsiglio invece di togliere il pavimento lasciando così la casetta a diretto contatto col suolo per vari motivi: innanzitutto perchè i piattini sarebbero più facilmente accessibili a formiche, insetti, ecc. e poi perchè in caso di pioggia l'acqua, filtrando dal terreno, entrerebbe nella casetta. Senza contare che le pareti a contatto con la terra bagnata si gonfierebbero e si rovinerebbero nel giro di pochi mesi...
Tenendo la casetta sollevata da terra (per esempio con 4 mattoni) e impregnandola sei a posto. Icon_wink

è vero, non avevo pensato al discorso dell'acqua ma per quanto riguarda le formiche e gli insetti vari non credo che basti che sia un pò rialzata per tenerli lontani...

[Immagine: 8iUZcd4.jpg]

WWF MANTOVANO unità operativa di Mantova
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
06-07-2010, 09:17 AM
Messaggio: #23
RE: Aggiornamento famigliola ricci e "umana" imbranata
In risposta a Pesk:
il riccino nella foto era stato prelevato quando abbiamo cambiato la casetta ... dalla scatola alla casetta di legno... purtroppo i dubbi sul trattamento non erano ancora stati chiariti del tutto e quindi in quell'occasione mi sono mangiata un po' le ditine.....

Io spero ardentemente che uno dei vicino non si sia preso in casa uno dei riccini, questa ipotesi non l'avevo calcolata.

Sicuramente i ricci hanno ritardato e di molto l'orario della cena.... anche solo 2-3 settimane fa alle 20.15 li trovavo già pronti nello scatolone ... ora li ho visti una sola volta che sono uscita verso le 23.30 ... quindi anche prenderli per fare il trattamento diventa veramente difficile, provero' magari venerdì sera che poi il sabato sono a casa e quindi sono + tranquilla. Così magari mi rendero' effettivamente conto se ci sono ancora tutti o se qualcuno si è allontanato!

Grazie a tutti per i consigli sulla casetta di legno!!!!

Allora che ne dite del riccino, lo trovate bene?

Fatemi sapere! Ciao!
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
06-07-2010, 08:29 PM
Messaggio: #24
RE: Aggiornamento famigliola ricci e "umana" imbranata
Prova counque a fare una chiacchierata con i vicini, così, senza avere l'aria di interrogarli. E' solo un'idea che mi è balenata in mente a partire dall'ipotesi che fa tuo padre (che qualcuno abbia preso il piattino col riccio dentro per mostrarlo) e dal fatto che da allora vedi un solo cucciolo... ma se dovesse saltar fuori che davvero qualcuno ha preso con sè un riccino (purtroppo c'è un sacco di gente a cui vengono in mente queste trovate!) bisogna fargli capire che è profondamente sbagliato oltre che vietato dalla legge e che più a lungo lo trattengono, più difficile sarà per lui tornare libero e indipendente.

Per il trattamento... armati di decisione e prelevali! Se in passato rantolavano e respiravano rumorosamente qualche problema questi ricci ce l'hanno, e lo sverminamento fatto con le modalità che ti ho indicato facilmente potrà risolverlo.

[Immagine: Dq6o8PH.jpg]
... vieni a trovarci anche sulla nostra pagina facebook!
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
08-07-2010, 05:58 PM
Messaggio: #25
RE: Aggiornamento famigliola ricci e "umana" imbranata
Ciao
Scusa ma ho un piccolo problema e forse mi potresti aiutare. Questa mattina mia moglie ha trovato una nidiata di 5 ricci appena nati e la mamma come l'ha vista se ne è andata abbandonandoli. Io ho contattato SOS RICCI e grazie a Marina ho cominciato ad allattarli ecc. Purtroppo due sono morti a mezzogiorno. Sapresti indicarmi qualcuno in Friuli che ha esperienza di allevamento ed allattamento da così piccoli?
Grazie Ogni suggerimento sarà utile.
Ciao Patrik


(16-06-2010 08:35 AM)Cremino72 Ha scritto:  Ciao a tutti, eccomi qua!

Ma lo sapete che i cuccioli sono cresciuti quasi il doppio rispetto alle foto che ho postato la scorsa settimana???? Non pensavo che potessero crescere così velocemente!

Per quanto riguarda i vermi polmonari, avrei ancora qualche domanda e cioè:
A*******e ce l’ho in casa perchè lo utilizzo per il mio gatto. Immagino che non ci sia differenza tra gatto di piccola e grossa taglia visto che comunque devo svuotare la pipetta e dosarla per il riccio a seconda del peso, comunque chiedo conferma visto che A*******e fa pipette specifiche per cani e gatti di diverse taglie.
Inoltre secondo voi per pesare il riccio una bilancina per alimenti puo’ andare? ... altrimenti ho a disposizione quella per noi umani ma non è nemmeno sensibile ai 5 kg del mio gatto e poi visto che c’è un prodotto da dosare preferisco essere precisa e non andare a spanne.

Per la vaschetta vedro’ di recuperarla al brico o in qualche ferramenta. ... l’altezza minima di 50 cm serve perchè la vaschetta si lascia aperta?

Ultima cosa: se trattengo il riccio anche solo per una notte e poi lo rimetto in libertà lui si orienta subito o lo disoriento? Meglio sempre e comunque liberarlo di sera? Se riesco ad acchiapparli per mettere la pipetta vorrei provare a trattenerli almeno finché non mi lasciano un campione di feci da far analizzare, quindi vorrei sapere come potrebbero vivere questa esperienza.

Inoltre ogni riccio in vaschetta separata oppure almeno i due piccoli li posso tenere insieme?

Infine ho una curiosità: i piccoli ce li ho quasi tutte le sere per la "cena", ma gli adulti li vedo raramente anche se magari si "affacciano" a notte fonda. Secondo voi si riesce
a fare in modo che il riccio mantenga l'abitudine di fare il suo pasto nel mio giardino tutti i gg o è piuttosto uno "spirito libero"?

Grazie ancora veramente di tutto, Monica
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
08-07-2010, 06:16 PM
Messaggio: #26
RE: Aggiornamento famigliola ricci e "umana" imbranata
Non mi viene in mente nessuno che conosco in Friuli, Patrik... abbiamo una persona molto in gamba, appoggiata da un veterinario esperto in selvatici, in Veneto, a Padova...

In Friuli ci sono molti centri di recupero, li trovi elencati qui:
http://www.recuperoselvatici.it/elenco.htm
e qui:
http://www.guardiacaccia.pn.it/Centri_re...cupero.htm

Come vedi ce n'è uno specializzato in mammiferi selvatici:
CR mammiferi selvatici
Via Borgo di Uviel 42/a, 33080 Frisanco (PN)
Loredana Beltrame 0427/78005

Nel secondo link che ti ho postato si vede che tra le specie più frequentemente curate c'è il riccio. Certo che in questo periodo di ferie i centri di recupero sono spesso sguarniti di personale, e riccini così piccoli, come ti avrà detto Marina, devono mangiare davvero spessissimo. Senti se possono occuparsene.

Se invece vai avanti tu considera che per consigli e indicazioni puoi appoggiarti a Giulia (nostra moderatrice con nickname lagiuli) - 339 7020719.

[Immagine: Dq6o8PH.jpg]
... vieni a trovarci anche sulla nostra pagina facebook!
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
09-07-2010, 09:23 AM
Messaggio: #27
RE: Aggiornamento famigliola ricci e "umana" imbranata
Ciao Pesk,

Ultimo dubbio:

Una delle ultime volte che parlavamo di trattamento mi hai scritto questo:

"La dose di ****** da applicare sulla cute è di 0,05 ml ogni 100 grammi di peso del riccio; es. per un riccio di 400 grammi vanno somministrati 0,2 ml di ********, per un riccio di 500 grammi 0,25 ml di ***** e così via "

Siccome la matematica non è stata mai il mio forte ho fatto una verifica con la calcolatrice e facendo 0,05 x 400 mi dà 20 non 0,2 ....
Il risultato che ottengo con la calcolatrice devono comunque considerarlo un decimale o è giusto 20 ml???
Al momento non ho una siringa davanti a me e quindi non so nemmeno quant'è 0,2 o 20 ml su una siringa.

Grazie di tutto,

Ciao!
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
09-07-2010, 09:43 AM
Messaggio: #28
RE: Aggiornamento famigliola ricci e "umana" imbranata
Ciao Cremino!

Il risultato è corretto, è il calcolo che fai che è inesatto.

Devi applicare 0,05 ml di prodotto ogni 100 grammi per cui il calcolo dell'esempio è 0,05X4 = 0,20 (0,2) ml e così via Icon_wink

[Immagine: MMUo4Eh.jpg]
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
09-07-2010, 02:38 PM
Messaggio: #29
RE: Aggiornamento famigliola ricci e "umana" imbranata
Icon_coolIcon_eekIcon_redfaceIcon_mrgreen

Acci acci, leggere le mail dall'ufficio fa sempre brutti scherzi, non sono stata sufficientemente attenta...... pardon !!!!

Grazie TamTam !!!!

Icon_surprised Icon_razz
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
15-07-2010, 03:14 PM
Messaggio: #30
RE: Aggiornamento famigliola ricci e "umana" imbranata
RESOCONTO MISSIONE “PROFILASSI” – FATTA A META’!!!!

Allora, cosa fresca fresca di ieri sera ... non riuscendo ad avere entrambi i cuccioli disponibili contemporaneamente, ieri sera mi sono decisa a prelevare il primo che ho trovato nella casetta!

Ho fatto tutto come da istruzioni pero’ ho qualche dubbio che vi chiedo di chiarire:

• Anzitutto tirare su il liquido con siringa con ago non è stato semplice. Avevo riposto il liquido in un tappo di bottiglia, siringa ed ago inclinati ... aggiungeteci che non ho mai maneggiato una siringa... insomma io ci vedevo dell’aria oltre al liquido ... ho rifatto l’operazione 2 volte ma non volevo nemmeno perdere troppo tempo .... quindi ho aumentato leggermente la dose del liquido. DOMANDA: è normale che ci sia anche dell’aria nella siringa quando si aspira il liquido con l’ago? ... una leggerissima modifica al dosaggio puo’ comunque danneggiare il riccio???? Meglio abbondare o deficere in questi casi?
• Manovra di pesatura su bilancina per alimenti: il riccino (che ormai è bello cicciottello) è risultato essere 200 grammi......... è un peso nella norma considerando la foto che vi ho mandato 10 gg fa? Ve lo chiedo perchè ho qualche dubbio sull’effettiva “validità” di pesata di queste bilancine !!!!
• Come dicevo poc’anzi, ho trovato solo un riccino e mi sono decisa ad agire comunque altrimenti si andava alle calende greche! ... per distinguerlo dall’altro gli ho colorato un paio di aculei con smalto rosso...... questo puo’ in qualche modo influenzare la sua vita, renderlo + riconoscibile per eventuali predatori ecc??? ... visto che vivo nella pianura padana, chi sono (se ci sono) i potenziali predatori? Questa cosa dello smalto mi preoccupa molto, fatemi sapere se questa cosa puo’ metterlo in pericolo
• Ultimo dubbio: il riccio ha memoria lunga? .... puo’ “disertare” la casetta per paura di essere braccato di nuovo?

Attendo commenti, grazie!
Monica
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
15-07-2010, 03:43 PM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 15-07-2010 04:34 PM da BadCluster.)
Messaggio: #31
RE: Aggiornamento famigliola ricci e "umana" imbranata
Io so risponderti solo in parte...
Allora:

- Questione Smalto: Tranquilla, ho letto proprio in questo forum che si fa così per distinguere i cuccioli l'uno dall'altro, perciò tutto ok ;) (si usano colori scuri di solito, nero, blu e rosso scuro)

- Potenziali predatori: Volpi, Barbagianni, Civette (i rapaci in generale) per i ricci adulti e piccoli, non so poi se per i più piccoli siano pericolosi anche i cani (immagino di si) i gatti non lo so (per gli adulti lagiuli mi ha appena risposto che non sono pericolosi) non so per i cuccioli.

Aspetto pure io le risposte agli altri tuoi quesiti, soprattutto quella della memoria e dell'aria dentro la siringa.

[Immagine: 1236737329.145.110748918.png]
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
15-07-2010, 04:18 PM
Messaggio: #32
RE: Aggiornamento famigliola ricci e "umana" imbranata
Ciao Monica!
il bordeaux va benissimo, non preoccuparti.
la cosa che consiglio io è di bucare con l'ago della siringa il fondo della confezione tenendola in verticale e aspirando contemporaneamente.
ti consiglio di svolgere questo primo passaggio con un ago almeno 20g perchè con l'ago che c'è nella siringa da insulina è quasi impossibile riuscire a aspirarlo! (in farmacia dovrebbero vendere anche aghi separatamente e per aspirarlo puoi chiedere di un ago grigio o rosa - meglio grigio, oppur prendi anche una siringa da 2.5 ml e cambi l'ago a quella da insulina.
se quando aspiri ti salgono delle bolle (ti ho adorato quando descrivevi le difficoltà in queste operazioni, com'è vero, troppe volte io do' delle cose per scontato facendole tante volte al giorno!) puoi rimettere il tappo e tenendo la siringa in verticale dare dei piccoli colpetti sul corpo della siringa. in questo modo salgono tutte verso l'alto, e poi puoi espellerle facilmente.
la dose indicata è quella consigliata, sempre meglio non eccedere, ma 1 ml in più non è nocivo, ma è inutile, piuttosto
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
15-07-2010, 05:20 PM
Messaggio: #33
RE: Aggiornamento famigliola ricci e "umana" imbranata
Grazie Giulia, tanti di questi "trucchetti" ci mancavano proprio! Io versavo nel tappino e aspiravo con l'ago facendo la stessa fatica che ha fatto Monica e buttando poi fuori le bolle pian piano nel modo che dici tu... molto meglio aspirare direttamente dalla fialetta in effetti!

[Immagine: Dq6o8PH.jpg]
... vieni a trovarci anche sulla nostra pagina facebook!
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
16-07-2010, 02:17 PM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 16-07-2010 02:19 PM da Debby.)
Messaggio: #34
RE: Aggiornamento famigliola ricci e "umana" imbranata
(15-07-2010 03:14 PM)Cremino72 Ha scritto:  • una leggerissima modifica al dosaggio puo’ comunque danneggiare il riccio???? Meglio abbondare o deficere in questi casi?
Cerco di rispondere alle tue domande:
Con il prodotto che ti abbiamo indicato non ci sono problemi: una leggerissima modifica al dosaggio (sia per eccesso che per difetto) non fa male. Diverso il discorso con altri antiparassitari, antibiotici e farmaci vari con cui bisogna fare la massima attenzione.

(15-07-2010 03:14 PM)Cremino72 Ha scritto:  • ho colorato un paio di aculei con smalto rosso...... questo puo’ in qualche modo influenzare la sua vita, renderlo + riconoscibile per eventuali predatori ecc??? ...
I colori troppo appariscenti rendono il riccio effettivamente più visibile, per questo sono consigliabili colori scuri come bordeaux, rosa scuro, blu, viola.

(15-07-2010 03:14 PM)Cremino72 Ha scritto:  visto che vivo nella pianura padana, chi sono (se ci sono) i potenziali predatori?
Per un approfondimento sui predatori del riccio leggi qui: http://www.facebook.com/pages/Ricci/5984...3328987081
Tieni presente che, per i piccoli ricci, anche cani e gatti possono essere pericolosi così come gazze, ghiandaie e altri uccelli di taglia media.

(15-07-2010 03:14 PM)Cremino72 Ha scritto:  • Ultimo dubbio: il riccio ha memoria lunga? .... puo’ “disertare” la casetta per paura di essere braccato di nuovo?
Sì, se un riccio viene disturbato può lasciare la zona. Va detto però che il riccio è un animale abitudinario e se l'area che frequenta è dotata di un buon ristorante non se ne andrà tanto facilmente. Icon_smile

[Immagine: firmemoddebby.jpg]
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
21-07-2010, 07:50 PM
Messaggio: #35
RE: Aggiornamento famigliola ricci e "umana" imbranata
1000 grazie per le vostre sempre prontissime risposte!

Il riccio ora riconoscibile per un paio di aculei rossi è vivo e vegeto, lo trovo sempre all'ora di cena nella casetta (circa h 22.00) ... è pazzesco vedere come si presenti puntuale all'appuntamento, preciso come un orologio svizzero.

Temo invece per l'altro cucciolo che ho sentito rantolare fortemente una sera (ha sentito la mia presenza e nella casetta non ci è nemmeno entrato!!), mia sorella ha sentito lo stesso rumore molto forte due sere fa intorno alle 23.00.

Tutte le sere esco intorno alle 22.00 e poi dopo le 23.00 ma a quell'ora non trovo mai nessun riccio all'appello.

Se entro venerdì non lo "acciuffo" venerdì sera faro' le ore piccole per vedere di braccarlo... io mi sono fatta una teoria. Puo' essere che sentendosi debole esca in piena notte quand'è sicuro che non ci sono rumori e persone nei giardini?

Fin da piccoli ho notato che ce n'era uno + "coraggioso" di un altro, uno scappava al primo rumore, l'altro si faceva tranquillamente "sorprendere" nella casetta.

Se mettessi l'antiparassitario nel cibo, farebbe lo stesso effetto? C'è qualche altro modo per intervenire?

Ultimo quesito: mio papà ha trovato un riccio delle dimensioni dei ns. "cuccioli" dentro un CONTATORE dell'acqua o gas (ora non ricordo).

Comunque una cassetta con una piccola fuoriuscita sul giardino, vicino ad un'edicola.

Mio papà l'ha dovuto aprire in pieno giorno e ci ha trovato appunto questo riccio che dormiva. Gli ha toccato gli aculei, ha visto che si è mosso e poi ha continuato a dormire. Ha detto che ovviamente dentro a questa cassetta sotto al sole faceva molto caldo.

Voi che dite, lo lascio dove si trova? o provo a trasferirlo nel mio giardino? Il fatto che stia lì denota secondo voi qualche difficolta'?

Grazie e un bacione a tutti
Monica
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
21-07-2010, 11:05 PM
Messaggio: #36
RE: Aggiornamento famigliola ricci e "umana" imbranata
Ciao Monica! La situazione del riccio nel contatore mi sembra strana, e sicuramente quello non è un gran posto per farci il nido. Basta pensare al fatto che, se il riccino che tuo padre ha visto fosse una femmina, potrebbe prima o poi partorire dei piccoli lì dentro... e allora sarebbe un disastro se qualcuno tornasse ad armeggiare con il contatore. Dici che è un riccio piccolo come i vostri, ma non non abbiamo così ben presenti le loro dimensioni... quanto pesano circa?

Il riccio che rantola è da recuperare subito! Li avevi sentiti rantolare già a metà giugno, oltre un mese fa... come ti avevo detto, un riccio che ha questi sintomi ha dei problemi gravi, e il fatto che i sintomi possano temporaneamente regredire non deve tranquillizzarci. Il riccio che respira male va assolutamente preso, trattenuto e sverminato: appostati, segui i rumori, attiralo col cibo... fai tutto quello che c'è da fare per prenderlo!

[Immagine: Dq6o8PH.jpg]
... vieni a trovarci anche sulla nostra pagina facebook!
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
23-07-2010, 11:42 PM
Messaggio: #37
RE: Aggiornamento famigliola ricci e "umana" imbranata
TA DANN!!!! C'è modo e modo per divertirsi di venerdì sera...io sono felice come una Pasqua perchè finalmente ho beccato l'altro cucciolo e ho fatto il trattamento !!!!! HIP HIP URRA' !!!!!

Stento a crederlo!!!! ... c'era anche mio papà, l'abbiamo guardato da tutti i lati e non aveva il segno con lo smalto bordeau ... ed era delle dimensioni dell'altro cucciolo (peso 200 grammi come l'altro ... grammo + grammo -).

La cosa strana è che ero in appostamento al silenzio ed al buio ... ho sentito gli "starnuti" ... dal momento in cui ha sentito qualche passo leggerissimo e qualche fruscio non ha + fatto quel verso ... nemmeno per quei minuti in cui l'abbiamo trattenuto per mettere l'antiparassitario.

Le cose sono 2: o quando si sentono minacciati smettono persino di "starnutire" oppure il riccio rantolante non era quello ... ed a questo punto il 3° cucciolo visto a inizio giugno c'è ancora ed è vivo e vegeto.

Fatemi sapere se secondo voi il riccio puo' smettere di "rantolare" se si sente in pericolo oppure se invece non puo' farne a meno ... circa 10 sere fa circa era un cucciolo quello che rantolava ... ha girato i giardini di tutto il vicinato e già solo in base al rumore anche se al buio avrei potuto darvi le coordinate di dove si trovasse anche se non sono un marine!!!Icon_rolleyes

PS: io continuo a chiamarli cuccioli ma ormai sono belli tondi, quando si appallottolano prendono le dimensioni di un riccio adulto. I due che ho pesato hanno lo stesso peso: 200 grammi.

PS 2: nella foga stasera mi è uscito un po' di antiparassitario (prendere confidenza con le siringhe non è semplice ... ) e con un dito leggermente sporco di prodotto mi sono toccata un angolo della bocca. Mi sono accorta di questo perchè per qualche attimo quella parte della bocca mi si è addormentata!! Per essere totalmente ignorante in proposito per un po' la saliva ho continuato a non deglutirla e mi sono spazzolata bene col dentifricio l'angolo della bocca e la lingua............ secondo voi ci sono rischi di qualcosa?

Per il riccio nella cassetta del contatore mando mio papà in perlustrazione ... se ce lo trova ancora vi faccio sapere, così mi date istruzioni sul da farsi.

Ciao, buon weekend ... e buonanotte !!!!
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
24-07-2010, 01:22 AM
Messaggio: #38
RE: Aggiornamento famigliola ricci e "umana" imbranata
(23-07-2010 11:42 PM)Cremino72 Ha scritto:  Fatemi sapere se secondo voi il riccio puo' smettere di "rantolare" se si sente in pericolo

Assolutamente sì! E' uno dei comportamenti tipici del riccio il nascondere il proprio malessere davanti a potenziali predatori. Per questo diciamo sempre di non sottovalutare nessun sintomo... un riccio può mostrarsi vispo e in forma per la maggior parte del tempo anche quando soffre di gravi patologie!

Bravissima per aver trattato anche questo riccio. Dovrai monitorare il eso di entrambi i cuccioli nei prossimi mesi: in settembre valuteremo insieme se hanno acquisito il peso sufficiente per affrontare il letargo.

[Immagine: Dq6o8PH.jpg]
... vieni a trovarci anche sulla nostra pagina facebook!
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
26-07-2010, 07:27 PM
Messaggio: #39
RE: Aggiornamento famigliola ricci e "umana" imbranata
Eccomi di nuovo qua, ho tante news, spero di ricordarmi tutto!!!

Ormai ci ho preso gusto, ieri sera ho fatto il trattamento al terzo cucciolo e con questa news quindi confermo che i cuccioli sono 3 !!!!

Quello che abbiamo preso ieri sera era vivacissimo .... gli altri una volta presi si appallottolavano e non facevano più un movimento.... questo era vispissimo, cercava di scusciarmi via dalle mani, l'abbiamo temporaneamente appoggiato su uno scatolone ma l'abbiamo dovuto riprendere subito perchè era già in procinto di darsela a gambe ... una volta poi sulla mano di mio papà non si è appallottolato come gli altri ma aveva il bellissimo musetto reclinato da un lato!

In ogni caso ora i cuccioli sono tutti e 3 "protetti".... mentre ieri sera ero appunto alla caccia del 3° cucciolo ho scovato il 2° (quello che ho preso e trattato venerdì sera quindi 3 gg fa), il "rantolante".

Rantolava ancora e con un rumore parecchio forte ... quindi vorrei sapere quando i sintomi passeranno e se non passano immagino che il prossimo step sia il veterinario o l'esame feci, vero? Fatemi sapere se c'è un periodo stimato in cui il rantolamento passa.

Riccio nel contatore:
Mio papà non si era spiegato bene. Il contatore è in un giardino privato e il padrone si sta già prendendo cura del riccio dandogli da mangiare cibo per gatti.
Purtroppo nn è una persona che io conosca o con la quale mio papà abbia confidenza, praticamente mio papà era là per fare un lavoretto, ha visto il riccio e ne hanno parlato.
Mi tranquillizza sapere che questa persona abbia avuto la sensibilità di dargli da mangiare. Quello che spero è che se avrà dubbi o vorrà fare q.cosa di più si rifaccia sentire con mio padre.

Penso di aver detto tutto, sono felicissima di aver fatto la profilassi ai "riccini" e non sapete quanto sia contenta di aver scoperto che i cucciolotti sono 3 !!!! Evviva!!!!
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
26-07-2010, 09:04 PM
Messaggio: #40
RE: Aggiornamento famigliola ricci e "umana" imbranata
Bravissima, Monica! Icon_biggrin

Per quanto riguarda il riccino rantolante, direi che è ora di intervenire più decisamente e prenderlo in casa : è da troppo tempo che va avanti questa storia e a seguito del trattamento avrebbe dovuto al più avere un po' di tosse nella fase di espulsione dei parassiti... che continui a rantolare è preoccupante, anche perchè no è un sintomo così comune nei ricci.

Prendilo in casa, se riesci stasera stessa, e sistemalo in uno scatolone dai bordi alti almeno 50 cm che poi, per sicurezza, metterai nella vasca da bagno (i ricci sono maghi della fuga, quando c'è la necessità di trattenerli bisogna costruirgli una piccola Alcatraz intorno!). Non farlo girare libero per ora, perchè se ha prolemi polmonari rischia solo di peggiorare prendendo freddo, cosa che ai ricci capita facilmente anche quando le temperature esterne sono elevate. Per questo motivo è importante che tu metta nel contenitore in cui lo sistemi una bottiglia piena di acqua calda avvolta in più giri di scottex: se il riccio ne sente il bisogno ci andrà vicino per scaldarsi, diversamente ne starà lontano e allora potrai toglierla.

Pesalo, osservalo e riferisci tutto qui... poi valuteremo insieme cosa fare!

[Immagine: Dq6o8PH.jpg]
... vieni a trovarci anche sulla nostra pagina facebook!
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)

Contattaci | Hedgehogs | Torna all'inizio della pagina | Torna al contenuto | Modalità archivio | RSS Syndication