Rispondi 
 
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Risveglio dal letargo
19-01-2010, 08:36 PM
Messaggio: #1
Risveglio dal letargo
Icon_question <<<<<<<<<Riccetto che vive nel mio giardino da tre anni, si è svegliato dal letargo una settimana fa. E' venuto a bussare alla porta per informarmi del suo risveglio e chiedere del cibo.
Il problema è che fuori la temperatura si è riabbassata di colpo ed io lo sto trattenendo in casa per timore che fuori faccia troppo freddo e lui non sia in grado di sopportare un proseguimento del letargo avendo, ormai, perso troppo peso nei mesi precedenti. Ho sbagliato? Qualcuno mi consigli. Grazie
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
19-01-2010, 08:38 PM
Messaggio: #2
RE: Risveglio dal letargo
Ciao Dibbuk!

No, non hai sbagliato, hai fatto bene a trattenere il riccio, anche perchè se si è svegliato è perchè è in difficoltà!

Dici che ha perso peso, quanto pesa esattamente? Hai avuto modo di vedere le feci?

[Immagine: MMUo4Eh.jpg]
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
19-01-2010, 08:57 PM
Messaggio: #3
RE: Risveglio dal letargo
Adesso pesa intorno ai 600 gr, ma quando è andato in letargo ne pesva circa 800: Inoltre è una settimana che mangia più di 100 gr al girno di cibo per gatti con l'aggiunta di biscottini e frutta secca, quindi una parte del peso l'ha già recuperata. Le feci sono assolutamente normali e ben formate.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
19-01-2010, 09:43 PM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 19-01-2010 09:45 PM da pesk.)
Messaggio: #4
RE: Risveglio dal letargo
Ciao Dibbuk, benvenuto!

Se il riccio vagava insistentemente da un po' è segno che sente che qualcosa non va, diversamente può essere un fatto normale: il letargo nei ricci non è molto profondo, possono svegliarsi ogni 10-15 giorni per cercare cibo.

La diminuzione di peso che ha subito durante l'inverno non è assolutamente preoccupante: ha ancora un ottimo peso per questa stagione.

Detto questo, visto che ormai il riccio è in casa da una settimana ne approfitterei per dargli una bella controllata: guarda se ha addosso delle zecche e nel caso toglile con delle pinzette; raccogli un campione di feci e falle analizzare in sospensione da un veterinario per rilevare eventuali parassiti. Una volta avuto il risultato delle analisi, prima di far fare qualunque trattamento al riccio contatta Giulia (la nostra moderatrice lagiuli) tramite il forum o al numero 339 7020719: lei ti indicherà medicinali e dosi per l'eventuale sverminamento. Per ora non dargli nessun prodotto, neanche un banale antipulci, perchè potrebbe interferirecon gli eventuali trattamenti da fare.

Poi valuteremo se rimetterlo fuori adesso o a primavera... se lo metti fuori finchè c'è ancora freddo dovrai ovviamente fare un passaggio graduale (es. prima in casa, poi in una stanza più fredda della casa, poi in garage, poi in giardino)... lo vedremo, comunque, dopo l'analisi delle feci.

Quanto al cibo, 100 grammi al giorno sono decisamente troppi! Riduci a 50 grammi, che sono la dose giusta per un riccio adulto. Sai cosa deve e non deve mangiare? Niente latte e latticini, niente mandorle e nocciole, niente insaccati... prevalentemente carne cotta o cibo per gatti con l'aggiunta di un po' di frutta.

Il riccio si è stabilito spontaneamente nel tuo giardino? E' libero di andare e venire come vuole? Sa ancora cacciare o mangia prevalentemente il cibo che lasci a disposizione tu?

[Immagine: Dq6o8PH.jpg]
... vieni a trovarci anche sulla nostra pagina facebook!
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
20-01-2010, 12:13 AM
Messaggio: #5
RE: Risveglio dal letargo
Riccetto è arrivato nel mio giardino tre anni fa: una sera uscendo a cercare uno dei miei gatti che ancora non era rientrato, me lo sono trovato praticamente sui piedi. Aveva una zampetta ferita e infetta: con l'aiuto del mio veterinario lo abbiamo curato con antibiotici per via generale e pomate antibiotiche. Nell'arco di 20 giorni la zampa è guarita ed io l'ho rimesso in giardino pensando ( con dispiacere) che sarebbe tornato da dove era venuto, ma lui è rimasto ed io ho continuato ad alimentarlo e a fornirgli tutto il necessario per la sua tana quando si avvicinava il periodo del letargo. Negli anni scorsi andava in letargo ad ottobre e si svegliava verso fine febbraio quando a Roma l'aria comincia ad addolcirsi. Quest'anno ha bruciato i tempi.
Vive libero nel mio giardino e volendo potrebbe uscire, non so se la notte qualche passeggiata all'esterno la fa, ma la mattina lo trovo sempre nella sua tana sotto un albero. La capacità di cacciare non l'ha persa ed io cerco di alimentarlo, di tanto in tano, anche con prede vive, ad esempio con camole della farina o del miele o con i caimani che acquisto per nutrire i miei rettili (pogona vitticeps).
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
20-01-2010, 12:20 AM
Messaggio: #6
RE: Risveglio dal letargo
Bene, mi sembra che Riccetto sia in una situazione davvero ideale...! E' stato fortunato a capitare da te e molto furbetto a decidere di restare lì! Icon_wink

I ricci sono sempre più animali suburbani a causa dello stravolgimento dei loro habitat naturali... la cosa in sè non è necessariamente un problema, a patto che l'ambiente in cui decidono di stabilirsi sia sufficientemente tranquillo e sicuro per loro e che possano sempre muoversi liberamente, come in questo caso.

Fai le cose che ti ho detto: controllo zecche, analisi delle feci, consulto con Giulia una volta avuti i risultati. Se Riccetto ha qualcosa che non va in questo modo lo rimetteremo in forma in vista della primavera!

Come l'hai sistemato in casa?

[Immagine: Dq6o8PH.jpg]
... vieni a trovarci anche sulla nostra pagina facebook!
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
20-01-2010, 12:31 AM
Messaggio: #7
RE: Risveglio dal letargo
Grosso scatolone da frigorifero, un po' ingombrante per me, ma comodo per lui. un angolo riempito di fieno e foglie secche e il resto spazio libero con fondo di giornali. Vaschetta per l'acqua e vaschetta per il cibo.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
20-01-2010, 12:42 AM
Messaggio: #8
RE: Risveglio dal letargo
Ottimo, vedo che ci sai fare! Un'ultima cosa: visto che hai detto che gli dai della frutta secca ripeto la raccomandazione di non dargli mandorle e nocciole (le mandorle in particolare sono tossiche per i ricci), inoltre evita i biscottini: sono sicura che gli piacciono (i ricci mangiano volentieri praticamente qualunque cosa, comprese quelle che gli fanno male), ma non li digeriscono bene... e questo vale per tutti i prodotti da forno e tutti i cibi ricchi di amido, quindi anche pasta, riso, patate.

Tienici aggiornati, ciao!

[Immagine: Dq6o8PH.jpg]
... vieni a trovarci anche sulla nostra pagina facebook!
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
22-01-2010, 10:21 AM
Messaggio: #9
RE: Risveglio dal letargo
Vi informo ufficialmente che Riccetto sta benissimo: L'esame delle feci è negativo ai parassiti intestinali e non ha zecche o parassiti esterni, almeno visibili. Probabilmente avrà come al solito qualche pulce, ma non si gratta molto. Certo, tenendolo in casa, in ambiente riscaldato, le pulci si moltiplicheranno , ma fino ad oggi me la sono cavata egregiamente con due gocce di Frontline.
Non so se esiste qualcosa di migliore e più indicato per loro, tanto più che il Frontline sono costretta a metterlo sulla testa, visto che nella posizione canonica lui riesce a leccarsi quando unge gli aculei.
Icon_razz
Buona giornata a tutti.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
22-01-2010, 11:14 AM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 22-01-2010 01:12 PM da Pierre.)
Messaggio: #10
RE: Risveglio dal letargo
Ciao, ho letto solo ora la discussione, complimenti x il tuo pronto intervento e x come hai gestito la cosa, alla luce dei fatti io farei comunque una cura preventiva contro i vermi così siamo sicuri al 100% ke non ne abbia, sentiamo cosa dicono le nostre moderatrici, poi direi ke puoi tranquillamente far tornare in letargo il tuo amico lasciandogli sempre a disposizione un pò di cibo nel caso si svegli...un graduale reinserimento climatico xké non fargli prendere uno sbalzo termico troppo alto ke gli può far male e poi buonanotte al piccolo...

[Immagine: 8iUZcd4.jpg]

WWF MANTOVANO unità operativa di Mantova
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
24-01-2010, 04:24 PM
Messaggio: #11
RE: Risveglio dal letargo
(22-01-2010 10:21 AM)dibbuk Ha scritto:  fino ad oggi me la sono cavata egregiamente con due gocce di Frontline.
Non so se esiste qualcosa di migliore e più indicato per loro, tanto più che il Frontline sono costretta a metterlo sulla testa, visto che nella posizione canonica lui riesce a leccarsi quando unge gli aculei.

Il Frontline consigliamo di usarlo non in gocce ma nella forma spray, spruzzandolo prima su un panno e poi passando il panno sugli aculei e sotto la pancia. Mai spruzzarlo vicino al viso!

Poi c'è un altro prodotto che puoi usare, ti scrivo tutto via mp. Ciao!

[Immagine: Dq6o8PH.jpg]
... vieni a trovarci anche sulla nostra pagina facebook!
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
24-01-2010, 04:43 PM
Messaggio: #12
RE: Risveglio dal letargo
Voilà... ti ho mandato via mp i dati del trattamento antiparassitario che puoi fare anche come profilassi, una volta all'anno. Non deve però sovrapporsi col Frontline, perchè gli effetti in parte si sommano!

Per il futuro, visto che Riccetto si è stabilito nel tuo giardino ed è a portata di mano, ricordati che è consigliabile fare una volta all'anno l'analisi delle feci... e magari ripeterle a distanza di 15 giorni, perchè alcuni parassiti come i coccidi non vengono espulsi con continuità. Se si rilevano coccidi, tieni presente che va fatta una cura apposita (nel caso senti Giulia per medicinali e dosi - 339 2942329).

[Immagine: Dq6o8PH.jpg]
... vieni a trovarci anche sulla nostra pagina facebook!
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
25-01-2010, 01:51 PM
Messaggio: #13
RE: Risveglio dal letargo
Grazie, grazie, grazie! Ho appena finito di leggere tutti i vostri messaggi pieni di preziosissimi consigli che io e Riccetto seguiremo alla lettera. Vi ringrazio tantissimo anche per tutti i complimenti che ho incassato volentieri, perchè, nonostante io abbia una certa esperienza di animali vari ( a casa ho praticamente un bio parco), quando si ha a che fare con la fauna selvatica il timore di sbagliare è sempre molto alto.
Fortunatamente ho anche un veterinario piuttosto abile che mi segue da molti anni e che riesce a consigliarmi per il meglio.

Riccetto per ora rimane in casa visto che fuori le temperature sono, specialmente la notte, molto vicine allo zero e (detto in camera caritatis)
questa è anche una ghiotta occasione per "godermelo" un pochino.

Per la prossima settimana è previsto un miglioramento del tempo e senz'altro Riccetto tornerà all'aperto seguendo prima le vostre giuste
indicazioni per un graduale riadattamento.

Vi terrò informati.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)

Contattaci | Hedgehogs | Torna all'inizio della pagina | Torna al contenuto | Modalità archivio | RSS Syndication